Recapiti

Indirizzo: Viale Porta Adige 45/G – 45100 Rovigo (RO)
Telefono Studio: +39 0425 31589 – Cellulare: +39 393 8081684 – Mail: alfredo.nardi@malattieosteoarticolari.it

    

Malattie osteoarticolari

Cosa e quali sono

Le malattie osteoarticolari coinvolgono l’apparato locomotore, ossia gli organi di movimento quali ossa (osteopatie), articolazioni (artropatie), muscoli (miopatie), tendini (tendinopatie), nervi periferici (neuropatie), ecc.; tutte hanno in comune il dolore (acuto, cronico) e la disabilità ((temporanea, permanente). Le malattie osteoarticolari sono numerose e dovute a molteplici cause: malformative, metabolichedegenerative, traumatiche, infiammatorie, infettive, neoplastiche, la cui diagnosi talvolta può non essere facile. Tra le osteopatie più frequenti va ricordata l’osteoporosi, malattia da fragilità ossea, che colpisce uomini e donne, caratterizzata dalla comparsa di fratture, spontanee o per traumi banali, di tutte le ossa ma in particolare delle vertebre o del femore. Altre osteopatie meno frequenti ma non meno gravi sono l’osteomalacia, il morbo di Paget, l’osteite fibroso-cistica, ecc. Tra le artropatie la più frequente è l’artrosi, malattia degenerativa che può colpire tutte le articolazioni, in particolare l’anca (coxartrosi) e il ginocchio (gonartrosi). L’artrosi può essere primitiva, ossia senza che sia possibile identificarne una causa, o secondaria nella quale l’identificazione e l’eliminazione delle cause, in associazione ad un programma di prevenzione, consente spesso di evitare l’intervento chirurgico. Altre artropatie sono quelle infiammatorie, talvolta a carattere sistemico come l’artrite reumatoide o l’artrite psoriasica, altre volte a localizzazione mono-pauciarticolari come le microcristalline (gotta, pseudogotta). Il dolore mio-tendineo e mio-fasciale è particolarmente frequente e invalidante, spesso in grado di alterare profondamente la qualità di vita. L’identificazione delle strutture responsabili del dolore ed il loro trattamento, non sempre e non solo farmacologico, porta spesso ad una sua rapida risoluzione.  Anche la compressione delle radici nervose (spondiloartrosi, ernie discali) e l’intrappolamento di nervi periferici (tunnel carpaleintrappolamento del nervo ulnare al gomito, ecc.) richiedono un corretto inquadramento diagnostico e un adeguato approccio terapeutico.

ALFREDO NARDI

Medico Chirurgo, Specialista in Ortopedia, Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso

dott.alfredo-nardiLaureatosi in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Padova, si è specializzato dapprima in Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso presso la stessa Università e poi in Ortopedia presso l’Università degli Studi di Verona. Dal 1980 ha prestato servizio come ortopedico presso la Divisione di Ortopedia-Traumatologia dell’Ospedale S. Maria della Misericordia di Rovigo e dal 1989 a tutto il 2011 è stato il Responsabile della Patologia Osteoarticolare dell’Azienda Sanitaria ULSS 18 di Rovigo. Ha dedicato gran parte della propria attività professionale alla diagnosi e cura delle malattie osteoarticolari. Ha pubblicato su riviste nazionali ed internazionali vari lavori scientifici riguardanti le malattie osteoarticolari. E’ stato co-autore con il prof. Giovanni Luisetto del libro “L’osteoporosi nella donna e nell’anziano” edito da Piccin Editore 1989, del trattato “Osteopatie metaboliche e alterazioni del metabolismo minerale” edito da Passoni Editore 2001 e del manuale “Guida rapida alla diagnosi e terapia delle Osteopatie metaboliche” edito da Informed Editore 2003. Ha contribuito di recente alla realizzazione del libro “La fragilità scheletrica nell’osteoporosi e le sue conseguenze” con i capitoli: “Diagnosi differenziale delle fratture da fragilità vertebrali in acuto” e “La terapia osteoanabolizzante: indicazioni attuali e prospettive future” edito da CIC Edizioni Internazionali 2014 e alla realizzazione del libro “Il paziente anziano in Ortopedia e Traumatologia” con il capitolo: “Metabolismo minerale osseo e fragilità scheletrica nell’anziano“. E’ stato docente di Ortopedia al corso di Laurea in Fisioterapia presso l’Università degli Studi di Padova nell’anno accademico 2013-14. E’ relatore a numerosi convegni e meeting scientifici nonché docente a corsi di formazione per Medici Specialisti e di Medicina generale. Dal gennaio 2012 esercita l’attività di medico specialista come Libero Professionista.

ATTIVITA’ DIDATTICA 2015

Docente di Ortopedia – Corso di Laurea in Infermieristica  – Università degli Studi di Padova – Anno accademico 2015-16

Incarichi di Relatore-Docente a Convegni, Congressi e Corsi di Formazione

[ai1ec view=”agenda” exact_date=”1-1-2015″]

PUBBLICAZIONI RECENTI

Il percorso diagnostico nelle fratt...

Riassunto Le fratture vertebrali da compressione (VCFs) sono una manifestazione clinica comune e frequente delle osteopatie da fragilità. La VCF clinica esordisce con un dolore localizzato, che inizi

L’effetto domino: ruolo dei f...

Riassunto La rapida insorgenza dell’effetto domino dopo la prima frattura vertebrale da compressione (VCF) è una conseguenza diretta delle variazioni meccaniche che interessano la colonna verte

Clinica delle fratture da fragilita...

Premessa L’osteoporosi è una osteopatia da fragilità, ossia caratterizzata da riduzione della resistenza ossea, ed i quadri clinici sono riconducibili alle fratture. La frattura di un segmento